Superbonus 110% tutta la verità

fotovoltaico e interventi trainanti del nuovo Super Bonus 110%

Come funziona, cosa si può fare, interventi ammessi e a chi spetta, in questa sintesi semplice e completa.

Superbonus 110 – Un’ Occasione Da Non Perdere

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Guida all’utilizzo del SUPERBONUS 110, previsto dal Decreto Rilancio, convertito definitivamente nella legge n° 77 del 17 Luglio 2020. Si tratta di un incentivo, che prevede la detrazione al 110% delle spese che saranno sostenute a far data dal 1 Luglio 2020 e fino al 31 Dicembre 2021, a fronte di specifici interventi sugli edifici in ambito di efficienza energetica, di riduzione del rischio sismico, di installazione di impianti fotovoltaici nonché delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici.

Prima di dettagliare meglio le azioni possibili, è di rilevante interesse per il privato cittadino la possibilità di optare, in alternativa alla fruizione diretta della detrazione in cinque anni, per un contributo sotto forma di sconto in fattura da parte del fornitore o, in alternativa, per la cessione del credito a favore di intermediari finanziari. E’una possibilità, soprattutto quella dello sconto in fattura, che è particolarmente vantaggiosa per il titolare di un titolo di proprietà o di possesso dell’edifico oggetto dell’investimento in quanto, in pratica, permette di sostenere spese ingenti ad un costo prossimo allo zero. E’necessario, però, rivolgersi ad operatori e/o fornitori che abbiano la capacità di sostenere finanziariamente i costi di realizzazione degli interventi.

Gli interventi si dividono in due categorie: “trainanti” e “trainati”.

I primi sono quelli principali, che da soli consentono di accedere al SUPERBONUS e sono i seguenti:

  • isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro degli edifici;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, e/o il raffrescamento e/o la fornitura di acqua calda sanitaria sulle parti comuni degli edifici, sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari site all’interno di edifici plurifamiliari, funzionalmente indipendenti e che abbiano uno o più accessi autonomi dall’esterno;
  •  interventi antisismici di cui ai commi da 1-bis a 1-septies dell’articolo 16 del decreto-legge n.63 del 2013.

Gli interventi cd. “trainati”, invece, sono quelli che permettono di beneficiare della detrazione del 110% della spesa solo se eseguiti congiuntamente con uno almeno degli interventi precedentemente elencati. Nello specifico si tratta:

  • di efficientamento energetico
  • dell’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici
  • dell’installazione di impianti fotovoltaici
  • dell’installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo.

Il SUPERBONUS non spetta per interventi su ville, castelli ed abitazioni signorili.

Possono, invece, usufruirne i condomini, le persone fisiche, gli IACP, le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, le associazioni e società sportive dilettantistiche limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi, le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale, le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale (vedi la Guida dell’Ag. Delle Entrate per le caratterizzazioni specifiche).

Se Cerchi un’azienda che effettua la vera Cessione del Credito senza costi per te e vuoi accedere al bonus per impianto fotovoltaico+pompa di calore+solare termico compila il form

Contattaci



Ai sensi del GDPR e successivi adeguamenti, dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy. I dati forniti saranno trattati esclusivamente per adempiere alla tua richiesta.


Per quanto riguarda gli interventi “trainanti” il SUPERBONUS è calcolato su un ammontare complessivo delle spese per l’isolamento termico degli edifici che va da un minimo di €. 30.000 per unità abitativa se l’edifico è composto da più di 8 unità ad un massimo di €. 40.000 per unità abitativa se l’edifico ne presenta meno di 8. Il SUPERBONUS diventa di €. 50.000 per edifici unifamiliari o unità familiari indipendenti site all’interno di edifici plurifamiliari.

Per gli interventi che prevedono la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni si va da €. 15.000 ad euro 20.000 secondo il criterio utilizzato per le spese di isolamento termico.

Per gli interventi, invece, sulle unità unifamiliari o unità indipendenti site all’interno di edifici plurifamiliari le spese detraibili complessivamente non devono superare €. 30.000.

Per gli interventi antisismici vedasi la già richiamata Guida dell’Agenzia delle Entrate.

Gli interventi aggiuntivi o “trainati” relativi a quelli di efficientamento energetico (es finestre, schermature solari, microgeneratori, etc) sottostanno a massimali dettati all’art, 14 del D,L. n° 63/2013; per quanto riguarda l’installazione di pannelli fotovoltaici il massimo della spesa ammessa è pari a €. 48.000. Infine per le infrastrutture relative all’istallazione delle centraline per la ricarica dei veicoli elettrici, la detrazione massima è su una spesa di €. 3.000.

In questa settimana è prevista da parte dell’Agenzia delle Entrate anche la circolare esplicativa di quanto asserito nella Guida, a cui abbiamo fatto riferimento in questo articolo. Pertanto, sollecitiamo tutti gli interessati a seguirci perché metteremo a vs. disposizione, appena sarà pubblicata, la circolare dell’Agenzia delle Entrate.

You may also like...

0 thoughts on “Superbonus 110% tutta la verità”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertising

Archivi

Advertising

tred technology su impresa-news il magazine della finanza agevolata e non solo

Advertising

0

Your Cart